Home > 0 - News, 3 - Massa Marittima > Consiglio Comunale di Massa marittima: entra Alessandro Giuliani

Consiglio Comunale di Massa marittima: entra Alessandro Giuliani

25 ottobre 2016

Martedì 11 ottobre 2016 c’è stato il previsto cambio in casa repubblicana: alle dimissioni di Luca Santini da consigliere comunale ha fatto seguito l’assunzione della carica da parte di Alessandro Giuliani.

Il Consiglio Comunale in seduta nello stesso giorno ha provveduto ad insediare il nuovo Consigliere.

Si ricorderà che Santini era stato capolista della compagine Massa va Oltre alle votazioni del 2014 per il rinnovo del Sindaco e del Consiglio Comunale e che Giuliani era risultato primo dei non eletti.

L’alternanza tra i due uomini del P.R.I. che, peraltro rivestono entrambi anche incarichi regionali e nazionali, era stata prevista e già annunciata da tempo.

Non ci dovrebbero essere cambiamenti sostanziali di linea politica ma, come ha spiegato Luca Santini nella sua lettera al Consiglio, nulla viene per caso, egli chiarisce che:

Continuare così senza che i partiti, soprattutto i partiti dell’area centrale, assumano orientamenti coerenti con le innovazioni introdotte, sarebbe sbagliato, colpevolmente sbagliato.

Occorre interrompere lo schema per il quale il raggruppamento dominante continua a dominare perché non c’è un’alternativa politica che metta in discussione l’egemonia vetera ed ormai fuori tempo dei soliti partiti che hanno governato Massa Marittima dal dopoguerra ad oggi.

Questo è il problema dell’alternanza possibile nella funzione di governo.

Ebbene, sì, si pone con forza il problema di come rendere possibile l’alternanza nella governabilità.

Questo è il tema su cui dobbiamo riflettere.

In modo più esplicito, dobbiamo fare il possibile per consentire ai massetani di scegliere inequivocabilmente a chi vogliano affidare le sorti del proprio futuro, di scegliere tra due sole forze in lizza, vinca l’una o vinca l’altra.

La scelta degli elettori massetani, poi, dipenderà dai programmi, dagli obiettivi verificabili, dalle capacità degli uomini che scenderanno in lizza per conquistare il governo del Comune.

Anche i partiti politici ed i gruppi di qualsiasi tipo dovranno rivedere le loro consuetudini  scontate e prive di impegno responsabile.

Chi vorrà governare dovrà dimostrare di meritarlo e di saperlo fare.

A quel punto anche i repubblicani e le altre componenti della centralità massetana prenderanno le decisioni più utili nell’interesse dei cittadini.

Posso anticipare che i repubblicani non faranno scelte sulla base degli assessori o di altri incarichi che verranno loro promessi, né faranno questioni di schieramento, bensì sceglieranno i propri compagni di viaggio tra coloro che condivideranno programmi sfidanti, che metteranno in gioco il coraggio dell’innovazione, che punteranno su persone capaci e dimostratamente all’altezza del compito.

Le mie dimissioni dal Consiglio hanno precisamente lo scopo di avviare questo percorso.

0 - News, 3 - Massa Marittima